Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Emergenza Coronavirus in Italia

Data:

04/03/2020


Emergenza Coronavirus in Italia

 

Aggiornamento 9 marzo 2020

Si riportano al seguente link i provvedimenti attualmente vigenti, approvati dal Governo in seguito all'emergenza sanitaria internazionale legata al Coronavirus

Coronavirus, le misure adottate dal Governo

 

 5.3.2020 THE BAHAMAS


Covid-19. Aggiornamento: Al fine di prevenire la diffusione del COVID-19, le autorità locali hanno disposto il divieto di ingresso alle Bahamas per tutti i passeggeri, sia di linee aeree che di crociera, non residenti, che abbiano visitato negli ultimi 20 giorni Paesi ad alto rischio, quali Italia, Cina, Iran o Corea del Sud. I cittadini e i residenti delle Bahamas di ritorno dai suddetti Paesi saranno soggetti a quarantena per un massimo di 14 giorni.
I non-residenti provenienti da detti Paesi che sono già in viaggio per le Bahamas saranno soggetti allo stesso protocollo previsto per i cittadini e i residenti.

 

3.3.2020
Covid-19 (nuovo coronavirus). : I passeggeri sia di linee aeree che di crociera, che abbiano visitato Paesi ad alto rischio, quali Cina, Hong Kong, Tailandia, Singapore, Macau, Corea del Sud, Giappone o Italia nei precedenti 14-20 giorni e non siano residenti permanenti o coniugati con cittadini locali, non saranno ammessi sul territorio.
Coloro che risiedono permanentemente nelle isole Turks and Caicos o che siano coniugati con cittadini locali e che abbiano visitato Paesi ad alto rischio, quali Cina, Hong Kong, Tailandia, Singapore, Macau, Corea del Sud, Giappone o Italia nei precedenti 14-20 giorni saranno ammessi con obbligo di visita medica e quarantena.
Il Ministero della Salute delle Turks and Caicos Islands ha predisposto i seguenti numeri telefonici d’emergenza: +1 649-232-9444 oppure +1 649-338-0911.
Maggiori informazioni sono disponibili al: +1 649-338-3070/3064, oppure tramite facebook : www.facebook.com/pressofficetcig

 

1.3.2020
COVID-19 (Nuovo coronavirus). Misure di contenimento.

Aggiornamento: Le Autorità locali, al fine di fronteggiare la diffusione del coronavirus nel Paese, hanno dichiarato lo stato di emergenza sanitaria. Alla luce del numero di casi registrati in Italia e del progressivo innalzamento del livello di allerta da parte degli Stati Uniti in merito ai viaggi in Italia (attualmente livello di allerta 4 per le regioni maggiormente colpite, Lombardia e Veneto, e livello 3 per il resto del Paese) alcune compagnie aeree stanno riducendo o sospendendo i voli da/per l’Italia.
Si raccomanda quindi di verificare sempre con la propria compagnia aerea, prima di recarsi in aeroporto, l’effettiva operatività del volo.
I passeggeri provenienti da località a rischio coronavirus, ivi inclusa l’Italia, potranno inoltre essere sottoposti a screening sanitari sia negli aeroporti di partenza che all’arrivo negli USA. Durante i controlli in partenza (controllo termico, valutazione medica, questionario con la storia di viaggio), in caso di sintomi o di casi sospetti, potrà essere negato l’imbarco. All’arrivo, per i passeggeri sintomatici sarà disposto l’isolamento, mentre per gli asintomatici che provengano da o abbiano visitato le regioni Lombardia o Veneto nei 14 giorni precedenti l’arrivo negli USA, le autorità si riservano la facoltà di imporre una quarantena domiciliare di 14 giorni.
Si raccomanda di seguire le indicazioni delle autorità di frontiera. In forza della dichiarazione di stato di emergenza, inoltre, da domenica 2 febbraio alle ore 17.00 (ora locale della costa est) a tutti i cittadini non americani che nei 14 giorni precedenti l’arrivo negli USA abbiano soggiornato in Cina, ad esclusione delle Regioni Autonome Speciali di Hong Kong e Macao, è precluso l'ingresso negli Stati Uniti. Per i cittadini americani, per coloro che hanno la residenza permanente negli Stati Uniti e per le rispettive famiglie, è previsto invece un trattamento differenziato, per il quale si rimanda al sito web del Department of Health (www.hhs.gov). Inoltre, tutti i voli provenienti dalla Cina sono indirizzati verso 7 aeroporti (JFK New York, O'Hare Chicago, San Francisco, Los Angeles, Seattle, Atlanta e Honolulu), dove i passeggeri in transito dovranno sostenere gli screening medici prima di poter continuare verso la loro destinazione finale.

Data:29/02/2020

Avviso Coronavirus

Nuovo coronavirus. Allerta 4 per le Regioni Lombardia e Veneto (aggiornamento 29 febbraio 2020).

Gli Stati Uniti mantengono l'allerta di viaggio nei confronti dell'Italia al livello 3 (“Avoid Non Essential Travel”). Tuttavia, alla luce della diffusione del Coronavirus in alcune aree del Paese, il 29 febbraio 2020, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, ha elevato l'allerta di viaggio per le Regioni Lombardia e Veneto al livello 4 (“Do Not Travel”). Con il livello di allerta 4 ai cittadini americani vengono sconsigliati i viaggi a qualunque titolo nelle aree indicate. Non è previsto il blocco dei voli da e per le aree affette. Per maggiori informazioni consultare i seguenti link:

https://travel.state.gov/content/travel/en/traveladvisories/traveladvisories/italy-travel-advisory.html

https://wwwnc.cdc.gov/travel/notices/warning/coronavirus-italy

In raccordo con l’Unità di Crisi della Farnesina la situazione è attentamente monitorata dall’Ambasciata d’Italia e dalla rete consolare italiana negli Stati Uniti. Per eventuali aggiornamenti si rinvia al sito www.viaggiaresicuri.it e alla pagina web della stessa Ambasciata d’Italia negli USA: https://ambwashingtondc.esteri.it/ambasciata_washington/it

Misure ingresso negli USA per viaggiatori provenienti dall’Italia (aggiornamento 29 febbraio 2020).

In ragione dell’incremento dei casi di contagio da coronavirus in Italia, alcuni Paesi hanno già adottato misure restrittive all’ingresso nei confronti di viaggiatori provenienti dall’Italia ed è possibile che ulteriori misure vengano adottate nei prossimi giorni. Tali decisioni sono di esclusiva competenza delle Autorità locali dei Paesi di destinazione e man mano che vengono rese note sono pubblicate sulle relative schede Paese del sito www.viaggiaresicuri.it

Per quanto concerne nello specifico gli Stati Uniti, le locali Autorità non hanno al momento varato alcuna misura restrittiva per i viaggiatori in arrivo nel Paese con voli provenienti dall’Italia. Non sono previste misure restrittive né per quanto concerne i voli in arrivo o in partenza per l’Italia ne’ per i viaggiatori in arrivo negli Stati Uniti con vettori provenienti dall’Italia.

In raccordo con l’Unità di Crisi della Farnesina la situazione è attentamente monitorata dall’Ambasciata d’Italia e dalla rete consolare italiana negli Stati Uniti. Per eventuali aggiornamenti si rinvia al sito www.viaggiaresicuri.it e alla pagina web della stessa Ambasciata d’Italia negli USA: https://ambwashingtondc.esteri.it/ambasciata_washington

Misure di sicurezza sanitaria negli aeroporti per cittadini stranieri che abbiano compiuto nei 14 giorni precedenti l’ingresso negli USA soggiorni in Cina e Iran.

Le Autorità locali, al fine di fronteggiare la diffusione del coronavirus nel Paese, hanno dichiarato lo stato di emergenza sanitaria. In forza di tale dichiarazione, da domenica 2 febbraio alle ore 17.00 (ora locale della costa est) a tutti i cittadini non americani che nei 14 giorni precedenti l’arrivo negli USA abbiano soggiornato in Cina, ad esclusione delle Regioni Autonome Speciali di Hong Kong e Macao, sarà precluso l'ingresso negli Stati Uniti. Per i cittadini americani, per coloro che hanno la residenza permanente negli Stati Uniti e per le rispettive famiglie, è previsto invece un trattamento differenziato, per il quale si rimanda al sito web del Department of Health (www.hhs.gov). Simili restrizioni ed eccezioni si applicheranno a partire dal 2 marzo 2020 alle ore 17.00 (ora locale della costa Est) a tutti i cittadini non americani che nei 14 giorni precedenti l’arrivo negli USA abbiano soggiornato in Iran. Inoltre, tutti i voli provenienti dalla Cina saranno indirizzati verso 7 aeroporti (JFK New York, O'Hare Chicago, San Francisco, Los Angeles, Seattle, Atlanta e Honolulu), dove i passeggeri in transito dovranno sostenere gli screening medici prima di poter continuare verso la loro destinazione finale.

Nuovo  coronavirus aggiornamento 28 febbraio 2020).

Gli Stati Uniti hanno elevato l'allerta di viaggio nei confronti dell'Italia al livello 3 (Avoid Non Essential Travel). Con il livello di allerta 3 ai cittadini americani sono sconsigliati i viaggi non necessari verso il nostro Paese e si raccomandano misure sanitarie da attuare per evitare il contagio: precauzioni igieniche, eventuale utilizzo delle mascherine protettive, segnalazione alle competenti Autorità sanitarie italiane di eventuali sintomi da contagio. Per maggiori informazioni consultare i seguenti link:

1. https://wwwnc.cdc.gov/travel/notices/warning/coronavirus-italy

 

2. https://travel.state.gov/content/travel/en/traveladvisories/traveladvisories/italy-travel-advisory.html

In raccordo con l’Unità di Crisi della Farnesina la situazione è attentamente monitorata dall’Ambasciata d’Italia e dalla rete consolare italiana negli Stati Uniti. Per eventuali aggiornamenti si rinvia al sito www.viaggiaresicuri.it e alla pagina web della stessa Ambasciata d’Italia negli USA: https://ambwashingtondc.esteri.it/ambasciata_washington/it

Coronavirus. Misure ingresso negli USA per viaggiatori provenienti dall’Italia (aggiornamento 28 febbraio 2020).

In ragione dell’incremento dei casi di contagio da coronavirus in Italia, alcuni Paesi hanno già adottato misure restrittive all’ingresso nei confronti di viaggiatori provenienti dall’Italia ed è possibile che ulteriori misure vengano adottate nei prossimi giorni. Tali decisioni sono di esclusiva competenza delle Autorita’ locali dei Paesi di destinazione e man mano che vengono rese note sono pubblicate sulle relative schede Paese del sito www.viaggiaresicuri.it

Per quanto concerne nello specifico gli Stati Uniti, le locali Autorità non hanno varato alcuna misura restrittiva per i viaggiatori in arrivo nel Paese con voli provenienti dall’Italia. Non sono previste misure restrittive né per quanto concerne i voli in arrivo o in partenza per l’Italia ne’ per i viaggiatori in arrivo negli Stati Uniti con vettori provenienti dall’Italia.

In raccordo con l’Unità di Crisi della Farnesina la situazione è attentamente monitorata dall’Ambasciata d’Italia e dalla rete consolare italiana negli Stati Uniti. Per eventuali aggiornamenti si rinvia al sito www.viaggiaresicuri.it e alla pagina web della stessa Ambasciata d’Italia negli USA: https://ambwashingtondc.esteri.it/ambasciata_washington

 

27.2.2020
Covid-19 (nuovo coronavirus).  Restrizioni all’ingresso: Le autorita’ della Giamaica, dal 27 febbraio, hanno esteso le misure precauzionali già adottate per prevenire la diffusione del coronavirus. In particolare: tutti i giamaicani che hanno visitato l'Italia, la Corea del Sud, l'Iran e Singapore negli ultimi 14 giorni saranno soggetti a una valutazione sanitaria e alla quarantena; i viaggiatori di qualunque nazionalità che hanno soggiornato in Italia, Corea del Sud, Iran e Singapore negli ultimi 14 giorni e che non sono residenti in Giamaica o coniugati con cittadini giamaicani non potranno sbarcare in nessuno dei varchi di ingresso del Paese; i non giamaicani residenti permanenti che hanno visitato l'Italia, la Corea del Sud, l'Iran e Singapore negli ultimi 14 giorni saranno soggetti a una valutazione sanitaria e alla quarantena; le persone che hanno visitato l'Italia, la Corea del Sud, l'Iran e Singapore entrate nel paese e valutate dal Ministero della Salute e del Benessere come ad alto rischio saranno messe in quarantena nelle apposite strutture governative; coloro che saranno valutati dal Ministero della Salute e del Benessere come a basso rischio saranno messi in quarantena a casa, sotto la supervisione del Dipartimento della Sanità; le persone di ritorno dall'Italia, dalla Corea del Sud, dall'Iran e da Singapore che mostrano qualsiasi sintomo di COVID-19, saranno poste in isolamento immediato in una struttura sanitaria. In base a tale provvedimento, sono stati cancellati i voli charter in arrivo e in partenza da/per la Giamaica a partire da quelli in programma venerdi’ 28 febbraio e sabato 29 febbraio 2020. Il comunicato delle autorità locali è reperibile al link: https://www.moh.gov.jm/expanded-travel-restrictions/ Infine, i viaggiatori stranieri provenienti dalla Repubblica Popolare Cinese saranno sottoposti ad un regime di quarantena di 14 giorni mentre le persone che presenteranno sintomi di infezione respiratoria saranno posti in isolamento.

 

 

Misure di sicurezza sanitaria negli aeroporti.

Le Autorità locali, al fine di fronteggiare la diffusione del coronavirus nel Paese, hanno dichiarato lo stato di emergenza sanitaria. In forza di tale dichiarazione, da domenica 2 febbraio alle ore 17.00 (ora locale della costa est) a tutti i cittadini non americani che nei 14 giorni precedenti l’arrivo negli USA abbiano soggiornato in Cina, ad esclusione delle Regioni Autonome Speciali di Hong Kong e Macao, sarà precluso l'ingresso negli Stati Uniti. Per i cittadini americani, per coloro che hanno la residenza permanente negli Stati Uniti e per le rispettive famiglie, è previsto invece un trattamento differenziato, per il quale si rimanda al sito web del Department of Health (www.hhs.gov). Inoltre, tutti i voli provenienti dalla Cina saranno indirizzati verso 7 aeroporti (JFK New York, O'Hare Chicago, San Francisco, Los Angeles, Seattle, Atlanta e Honolulu), dove i passeggeri in transito dovranno sostenere gli screening medici prima di poter continuare verso la loro destinazione finale.

Coronavirus. Misure ingresso negli USA per viaggiatori provenienti dall’Italia

In ragione dell’incremento dei casi di contagio da coronavirus in Italia, alcuni Paesi hanno già adottato misure restrittive all’ingresso nei confronti di viaggiatori provenienti dall’Italia ed è possibile che ulteriori misure vengano adottate nei prossimi giorni. Tali decisioni sono di esclusiva competenza delle Autorita’ locali dei Paesi di destinazione e man mano che vengono rese note sono pubblicate sulle relative schede Paese del sito www.viaggiaresicuri.it 

Per quanto concerne nello specifico gli Stati Uniti, le locali Autorità non hanno al momento varato alcuna misura restrittiva per i viaggiatori in arrivo nel Paese con voli provenienti dall’Italia. In raccordo con l’Unità di Crisi della Farnesina la situazione è attentamente monitorata dall’Ambasciata d’Italia e dalla rete consolare italiana negli Stati Uniti.

Per eventuali aggiornamenti si rinvia al sito www.viaggiaresicuri.it e alla pagina web della stessa Ambasciata d’Italia negli USA: https://ambwashingtondc.esteri.it/ambasciata_washington/it 


454